Lettera a Dina

Lettera a Dina una mattina del e nella classe a H entra per la prima volta Dina Ha dodici anni indossa abiti costosi bionda e sovrappeso Si volta verso la sua nuova compagna di banco e le dice Io sono fascis

  • Title: Lettera a Dina
  • Author: Grazia Verasani
  • ISBN:
  • Page: 302
  • Format: Formato Kindle
  • una mattina del 1973 e nella classe 2a H entra per la prima volta Dina Ha dodici anni, indossa abiti costosi, bionda e sovrappeso Si volta verso la sua nuova compagna di banco e le dice Io sono fascista L altra le risponde Io sono comunista un colpo di fulmine Tra le due nasce un amicizia travolgente, fatta di sotterfugi, giuramenti, chiacchiere, litigi, riconciliazioni appassionate Due mondi diversi, due famiglie di estrazione opposta, una di matrice operaia, l altra, quella di Dina, decisamente borghese, che le due ragazzine mescolano e alternano in una Bologna animata dalle prime lotte studentesche Trentasette anni dopo, mentre parcheggia l auto, la protagonista di questa storia sente alla radio la canzone che lei e Dina ascoltavano fino allo sfinimento su un giradischi E di colpo, vivissima, Dina di nuovo l Dove si persa l adolescente ribelle sempre in lotta con una madre fredda e seducente Qual stato il momento esatto in cui qualcosa si spezzato E perch quella tentazione irrefrenabile di camminare a occhi chiusi sul bordo di un precipizio Lettera a Dina il racconto toccante di un amicizia assoluta e dei segni che ha lasciato una riflessione sui sogni e gli ideali della giovinezza attraverso un paesaggio esistenziale che tocca un decennio importante della storia italiana, in una sovrapposizione tra passato e presente il cui raccordo emotivo e provvidenziale la musica.

    • ¸ Lettera a Dina || ↠ PDF Read by ↠ Grazia Verasani
      302 Grazia Verasani
    • thumbnail Title: ¸ Lettera a Dina || ↠ PDF Read by ↠ Grazia Verasani
      Posted by:Grazia Verasani
      Published :2019-09-10T00:48:05+00:00

    One thought on “Lettera a Dina”

    1. Il libro di Grazia Verasani, riletto per scrupolo, dovendone discutere con l'autrice in un gruppo di lettura bolognese, mi lascia ancora alcune delle perplessità della prima lettura: prima fra tutte la scelta del genere narrativo. Il titolo evoca la tecnica dell'epistolario, indubbiamente; quindi dovrebbe trattarsi di biografia. Autobiografia? Oltre la clausola scontata del "ogni riferimento a persone o cose", tale interrogativo viene rafforzato dall'uso delle iniziali dei nomi puntati, dall'om [...]

    2. Lettera a Dina e' un sapiente viaggio tra presente e passato, il presente che non soddisfa e il passato che ha visto una grande amicizia finita tragicamente. Sullo sfondo l'Italia degli anni 70 / 80 con tutto il suo fermento politico e culturale. Bellissimo libro sui ricordi, in cui tutte le persone della mia generazione possono riconoscersi. Strabello.

    3. e tutti i suoi libri!!! Non si smentisce mai! Attendo però con ansia una nuova avventura di Giorgia Cantini!<3Grande Grazia!!!

    4. bello bello ed emozionante! amo molto la scrittura della Verasani sia i gialli che gli altri!! lo consiglio, grande Verasani!!

    5. Di piacevole lettura, originale, da consigliare per passare un pomeriggio in compagnia di un libro scorrevole senza grandi pretese, da leggere

    6. A mio avviso Dina è la storia di due persone, complici volontarie e involontarie, di quel legame che spesso si trasforma in vittima e carnefice. Con uno scambio di ruoli che danza circoncentricamente nel cercare - sperare - tentare di perdersi, smettere di amarsi, smettere di sentirsi incompleti senza l'altro. Ma è un tentativo vano. Perché la vittima si sentirà sempre responsabile di quello che accade al carnefice. E il carnefice cercherà sempre una nuova strada da usare come capro espriat [...]

    7. In quelle pagine troviamo tutto ciò che cerchiamo. Vecchi legami, adolescenza incompatibile con le richieste genitoriali, sensi di colpa, e molto altro. Poi piangi. E, secondo me, ognuno lo farà nel punto in cui si ritrova. La Verasani scrive e mentre leggi sembra di ascoltare della buona musica.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *